“Il modello delle Società Benefit”, convegno di Fondazione Perugia e Confindustria

Il 20 settembre studiosi ed esperti a confronto nella sede di Confindustria Umbria
Nell’occasione verrà presentato il nuovo bando di Fondazione Perugia. Ecco il link per iscriversi

“Imprese e bene comune: Fondazione Perugia e il modello delle Società Benefit”. È il titolo del convegno in programma mercoledì 20 settembre 2023, dalle ore 10 alle ore 12, presso la sede di Confindustria Umbria, via Palermo 80/a, Perugia.

L’evento, organizzato da Fondazione Perugia in collaborazione con Confindustria Umbria, vedrà la partecipazione di autorevoli studiosi ed esperti della materia, i quali analizzeranno il quadro normativo, le ricadute economiche e le opportunità delle Società Benefit, fornendo anche esempi pratici e strumenti operativi per le aziende che intendano sposare tale modello imprenditoriale.

Nel corso della conferenza, Fondazione Perugia presenterà alla collettività il suo nuovo bando in cofinanziamento con le imprese, Raddoppia il valore delle tue idee, destinato agli enti del Terzo Settore e in pubblicazione il 26 settembre 2023.

Dopo l’introduzione di Cristina Colaiacovo, Presidente di Fondazione Perugia, interverranno: Raul Caruso, docente Università Cattolica di Milano; Andrea Bellucci, docente Università degli Studi di Perugia; Ruggero Campi, dottore commercialista; Maria Rita Bracchini, Fondazione Centro Studi Villa Montesca. Il convegno sarà moderato da Cinzia Tardioli, imprenditrice e componente del Consiglio Generale di Confindustria.

Introdotte in Italia con la legge n. 208 del 2015, le Società Benefit rappresentano una forma giuridica d’impresa che integra lo scopo di lucro con finalità di natura filantropica e sociale, nell’intento di garantire un impatto positivo e sostenibile sulla comunità e sull’ambiente. Il loro crescente ruolo all’interno del mercato invita a riflettere sulle loro potenzialità e a supportare gli imprenditori nei processi di transizione, rispetto ai quali un decisivo sostegno può provenire proprio dalle Fondazioni di origine bancaria e dalle associazioni di categoria.

Condividi
Potrebbe interessarti